L’alternativa definitiva al parquet: è senza fughe e idrorepellente!

Ti piace il parquet ma stai cercando un’alternativa differente? Ecco una soluzione che dovresti assolutamente valutare

Se siete sempre stati amanti del parquet in casa, ma avete sempre avuto delle riserve nel montarlo a causa della sua estrema delicatezza, siete nel posto giusto. Esistono, infatti, delle alternative analoghe, ma decisamente più semplici e comode da trattare nel tempo: vi forniamo un esempio pratico, dettagli annessi.

alternativa al parquet
Una valida alternativa al parquet (living.it)

Esiste una vasta gamma di paquet tra cui poter scegliere in basi alle singole esigenze, ma anche ai gusti personali. Di fatto, però, questa tipologia di pavimento è molto delicata: in primis, ad esempio, il legno è estremamente sensibile alle condizioni climatiche dell’ambiente, motivo per cui negli anni rischierebbe di rovinarsi e deformarsi se non conservato alle giuste temperature.

O ancora,  il parquet è estremamente suscettibili a graffi, dunque bisognerebbe sempre ricordarsi di togliere le scarpe, in modo che l’eventuale pietrisco incastrato nelle suole non vada ad incidere sui legno, ma anche di cambiare costantemente i filtrini sotto le gambe delle sedie o i piedini del divano, soprattutto se tendiamo spesso a farli strisciare. Se avete animali domestici che camminano in giro per casa, poi, questa tipologia di pavimento è altamente sconsigliata.

Pavimento SPC, ecco perché sceglierlo al posto del parquet

Un’alternativa davvero valida in tal senso potrebbero essere i pavimenti in SPC. Parliamo di una tipologia di pavimentazione vinilica con pannello rigido in PVC a supporto, che offre innumerevoli vantaggi rispetto a quelle classiche, tra cui maggiore resistenza, idrorepellenza e facilità di pulizia. Ma andiamo nel dettaglio…

alternativa al parquet
Ecco perchè scegliere un pavimento spc (living.it)

SPC è un  acronimo di Stone Polymer Composite: il pannello a supporto, infatti, è composto di pietra calcarea combinato con polvere di PVC e stabilizzanti. Tutto questo rende questa tipologia di pavimento decisamente più compatto e sicuro (non prevede solventi o collanti nocivi). Un altro vantaggio è il suo spessore, che va mediamente dai 4 ai 5,5 mm, rendendolo quindi ideale per ristrutturazioni e per rivestire altri pavimenti..

Nonostante sia estremamente sottile, questo pavimento è anche resistente per via della sua alta densità. Non si deformerà facilmente, dunque, in caso di colpi ed ammaccature varie. Come già chiarito, inoltre, sono idrorepellenti , dunque indicati anche per bagni e cucine, dove spesso l’acqua potrebbe cadere e rovinare il pavimento nel tempo.

Infine, questi pavimenti sono dotati di un sistema con chiusura a scatto, tramite il quale, ogni listone viene assemblato all’altro per formare un blocco. Sono estremamente simili ai parquet esteticamente, tant’è che i più precisi seguono addirittura la matrice del legno. Insomma, un’alternativa davvero interessante per chi proprio non riesce a rinunciare all’intramontabilità del parquet, non credete?

Impostazioni privacy