Piatti: a mano o in lavastoviglie? Come risparmiare più acqua possibile

Lavare i piatti a mano o in lavastoviglie? È una domanda che molti si chiedono, soprattutto in un’ottica di risparmio idrico e di tutela dell’ambiente. Ma c’è una risposta precisa?

In realtà, la risposta non è semplice come qualcuno potrebbe pensare e dipende da diversi fattori, come la quantità di piatti da lavare, il tipo di lavastoviglie e le abitudini di lavaggio.

lavastoviglie
E’ meglio lavare i piatti a mano o in lavastoviglie? – living.it – Fonte Pixabay

Tuttavia, questo non significa che non si debba riporre la giusta attenzione su questo tema e, anzi, il fatto che sia piuttosto complesso stimare i consumi di acqua richiede da parte di tutti una ulteriore attenzione verso il corretto utilizzo della risorsa idrica in ambito domestico come, per esempio, per lavare piatti e stoviglie.

Cosa conviene fare?

Ad ogni modo, con le debite eccezioni è ormai assodato che la lavastoviglie, se utilizzata correttamente, può essere un’opzione più ecosostenibile rispetto al lavaggio a mano. 

lavastoviglie
Ecco come risparmiare risorse quando si lavano i piatti con le lavastoviglie: pratici suggerimenti di uso quotidiano – living.it – Fonte Pixabay

In media, infatti, una lavastoviglie elettrica consuma solo tra i 9 e i 18 litri di acqua per lavaggio, una quantità che può essere fino a sei volte inferiore rispetto al consumo di acqua durante un lavaggio a mano, che può facilmente raggiungere i 100 litri. Ma perché la lavastoviglie consuma meno acqua?

Le ragioni sono molteplici. In primo luogo, l’elettrodomestico usa cicli di lavaggio preimpostati che ottimizzano l’utilizzo dell’acqua ed è in grado di ridurre lo spreco di acqua grazie al sistema di ricircolo che la riutilizza durante il ciclo di lavaggio.

Inoltre, la lavastoviglie consente di caricare un grande numero di piatti in un unico ciclo, ammortizzando il consumo di acqua.

Naturalmente, per ottenere il massimo risparmio idrico con la lavastoviglie, è importante utilizzarla correttamente. Per esempio, è opportuno:

  • caricarla a pieno carico per evitare sprechi di acqua ed energia;
  • scegliere il ciclo di lavaggio adatto al tipo di stoviglie e al grado di sporco;
  • utilizzare detergenti ecologici a basso dosaggio;
  • evitare il prelavaggio a mano dei piatti, che comporta un ulteriore spreco di acqua.

È altresì utile ricordare che non tutte le lavastoviglie sono uguali e che i modelli più recenti e a basso consumo energetico possono addirittura dimezzare il consumo di acqua rispetto ai modelli più vecchi. Quindi, se stai pensando di acquistare una nuova lavastoviglie, opta per un modello a basso consumo idrico!

Impostazioni privacy