Le spese condominiali che si possono detrarre, molti non le inseriscono nel 730 e perdono il bonus

Il processo di richiesta può sembrare complesso, ma il vantaggio economico offerto da questa opportunità è indiscutibile.

Nel tessuto urbano delle nostre città, gli edifici condominiali sono una realtà abitativa per milioni di italiani. All’interno di questa convivenza collettiva, le spese di gestione e manutenzione gravano spesso in modo molto significativo sul bilancio familiare. Tuttavia, una possibilità poco sfruttata si cela dietro ai versamenti annuali: la detrazione fiscale delle spese condominiali nel modello 730.

detrazioni per spese di condominio
È possibile detrarre diversi tipi di spese condominiali – living.it

La legge italiana prevede infatti che una quota di queste spese possa essere detratta dalla dichiarazione dei redditi, offrendo un tangibile sollievo fiscale. Nonostante ciò, numerosi contribuenti omettono di inserire tali spese nel proprio 730, perdendo così l’opportunità di accedere a un significativo bonus fiscale.

Una possibilità da non lasciarsi sfuggire

Per l’anno fiscale 2024, la normativa stabilisce che le spese condominiali detraibili sono tutte le spese sostenute per interventi straordinari o di ristrutturazione effettuati nel 2023, con una detrazione pari al 50%, fino a un massimo di 96.000 euro per unità immobiliare. Si tratta di una quota rilevante, che può incidere notevolmente sull’imposta lorda IRPEF da versare.

come sfruttare le detrazioni per le spese condominiali
Per detrarre le spese condominiali è fondamentale conoscere bene la normativa in merito – living.it

Questa agevolazione fiscale, tuttavia, non è automatica. Richiede una certa attenzione nella raccolta e nella presentazione dei documenti necessari. L’amministratore di condominio gioca un ruolo chiave in questo processo: è il responsabile del rilascio di una certificazione che attesti l’ammontare delle spese sostenute e la quota parte imputabile a ciascun condomino.

Il quadro normativo che regola queste detrazioni è ben definito nel Testo Unico sulle Imposte sui Redditi, ma la sua applicazione pratica può risultare complessa. Le spese ammissibili abbracciano una serie molto ampia di interventi, che vanno dalla manutenzione ordinaria e straordinaria al restauro conservativo, dalla ristrutturazione edilizia alla bonifica dell’amianto, fino all’adozione di misure volte al risparmio energetico e alla prevenzione del rischio sismico.

La documentazione necessaria per fruire di questa agevolazione deve essere allegata al modello 730. Nel caso di dichiarazioni precompilate, è fondamentale verificare che le informazioni fornite dall’amministratore siano state correttamente inserite. In assenza di un amministratore, il compito di documentare le spese sostenute ricade direttamente sui condòmini, che dovranno fornire le prove dei pagamenti effettuati.

La scadenza per la presentazione del modello 730, e quindi per richiedere la detrazione delle spese condominiali, è fissata al 30 settembre 2024. Questo termine rappresenta l’ultima occasione per i contribuenti di beneficiare dell’agevolazione per l’anno fiscale in corso.

Impostazioni privacy