L’impianto elettrico di casa smette di funzionare: chi paga tra l’inquilino in affitto e il proprietario?

Se si guasta l’impianto elettrico com’è la ripartizione delle spese tra locatore e locatario? Cosa dice la legge e le variabili.

Quando si verifica un guasto all’impianto elettrico in un immobile affittato, spesso può sorgere la diatriba: chi deve sostenere le spese di riparazione, l’inquilino o il proprietario? Si tratta di una questione complessa che dipende da vari fattori e richiede un’analisi approfondita della situazione. Proviamo a chiarire cosa dice la legge.

Guasto impianto elettrico, chi paga
Guasto impianto elettrico: chi paga tra locatore e locatario? – (living.it)

Secondo quanto previsto dall’articolo 1576 del Codice Civile, la ripartizione delle spese tra locatore e locatario indica che le spese di manutenzione ordinaria dell’immobile affittato sono a carico dell’inquilino e che le spese di manutenzione straordinaria sono a carico del proprietario. Tuttavia, quando si tratta di guasti all’impianto elettrico, la distinzione tra manutenzione ordinaria e straordinaria può non essere così chiara. Vediamo quindi come si applicano questi principi nella pratica.

Come vedremo di qui a breve, la ripartizione delle spese per i guasti all’impianto elettrico dipende dalla natura del problema e dalle disposizioni del contratto di locazione. È fondamentale che sia il locatore che il locatario siano consapevoli dei propri obblighi e che si avvalgano di consulenza specializzata in caso di dubbi o controversie.

L’impianto elettrico di casa smette di funzionare: chi paga tra l’inquilino in affitto e il proprietario?

I piccoli guasti dovuti all’usura, come interruttori o prese elettriche non funzionanti, rientrano nella manutenzione ordinaria e sono di responsabilità dell’inquilino. Tuttavia, se tali guasti sono evidenti già al momento dell’ingresso nell’abitazione e antecedenti alla firma del contratto di locazione, spetta al proprietario provvedere alle riparazioni, come previsto dall’articolo 1575 del Codice Civile.

Guasto impianto elettrico, chi paga
L’impianto elettrico di casa smette di funzionare: cosa dice la Legge riguardo gli oneri di pagamento – (living.it)

Per quanto riguarda i guasti di natura maggiore, causati dalla vetustà dell’impianto o da problemi strutturali, la responsabilità ricade sul proprietario, in quanto rientrano nella manutenzione straordinaria. Ma cosa succede se il guasto è causato da un uso improprio dell’impianto elettrico da parte dell’inquilino? In questo caso, ad esempio se un cortocircuito si verifica a causa di una manipolazione non corretta dell’impianto, l’inquilino è tenuto a sostenere le spese di riparazione.

Per gli affittuari in contesti condominiali, la situazione è simile. Le spese per la manutenzione ordinaria dell’impianto elettrico comune, come ad esempio l’illuminazione delle scale, sono a carico dell’inquilino, mentre quelle per la manutenzione straordinaria spettano al proprietario. È importante sottolineare che il condominio non può addebitare direttamente le spese di riparazione all’inquilino, ma deve farlo attraverso il proprietario, il quale potrà eventualmente richiedere il rimborso all’affittuario.

Impostazioni privacy