Posticipare la pensione di un anno è una buona idea? Come cambia l’assegno dopo 12 mesi

Prima o poi la pensione arriva per tutti. Posticiparla di un anno potrebbe essere la scelta vincente. Tutto quello che c’è da sapere. 

Il lavoro è uno degli aspetti più importanti della vita di un individuo. Se si ha la fortuna di svolgere una professione che si ama il tutto può risultare più gradevole. L’attività professionale, infatti, gratifica le persone, apportando soddisfazione personale. Svolgere bene il proprio lavoro da un senso di completezza. Tuttavia il lavoro non è fatto solo di aspetti positivi.

pensione posticipata di un anno
Quando andare in pensione- Living.it

Un impiego, infatti, può risultare anche molto stancante, a causa di responsabilità ed impegni. Lo stress causato da un eccessivo carico di lavoro può avere anche delle conseguenze sulla salute e sulla sfera privata del dipendente. Va, inoltre, tenuto presente anche l’ambiente di lavoro può influire negativamente. Cattivi rapporti con colleghi o superiori possono demotivare i singoli dipendenti.

Con il passare del tempo le forze vengono meno, e sopraggiunta la sesta decade di vita sono tanti i lavoratori che desiderano andare in pensione. In particolar modo determinate categorie professionali che risultano più esposte al Burnout. Al contrario, invece, ci sono professionisti che non vivono lonatno dal proprio lavoro. Per queste persone potrebbe esserci un modo  per uscire un anno dopo dal mondo del lavoro e poter usufruire di un vantaggio nella misura pensionistica.

Pensione posticipata: ecco i benefici

Nonostante la soglia dei 67 anni si avvicini, molti lavoratori non ne vogliono sapere di ritirarsi dal mondo del lavoro. Nonostante siano tanti quelli che sognano la pensione e la libertà, appaiono comunque numerosi coloro che desiderano continuare a svolgere la propria professione. Per questi ultimi potrebbe esserci una soluzione vantaggiosa.

vantaggi della pensione posticipata
Pensione posticipata: i vantaggi- living.it

In Italia l’età di uscita dal lavoro per tutti i dipendenti pubblici è fissata per i 67 anni. Dal compimento dal giorno sessantaquattresimo compleanno si è automaticamente posti in pensione d’anzianietà. Di recente, però, alcuni datori di lavoro stanno offrendo la possibilità di lavorare un anno in più. Non si tratta solo di un vantaggio sociale, ma a anche economico.  Con la pensione anticipata si ha la possibilità di versare più contributi, in modo da far accrescere l’assegno di pensione, soprattutto con il recente sistema contributivo.

Potrebbe essere un’ottima soluzione per coloro che hanno iniziato a lavorare più tardi e che dunque presentano meno anni di contributi. Ovviamente si tratta di casi isolati, considerando che l’età di uscita da lavoro resta, almeno per il momento, a 67 anni anni.

Impostazioni privacy