Tornano le agevolazioni spesa 2024: risparmi quasi 1.000€, basta fare richiesta

Tutte le agevolazioni per fare la spesa nel 2024: requisiti, importi e domane, la guida pratica per orientarsi tra bonus ed incentivi.

Il Governo negli ultimi anni ha introdotto diversi bonus ed incentivi al fine di aiutare le famiglie in difficoltà economica a far fronte alle esigenze di prima necessità. In particolare, per quanto riguarda l’acquisto di generi alimentari, sono sostanzialmente tre le agevolazioni su cui è possibile contare nel 2024. La Carta Acquisti, la carta Dedicata a te e il Reddito Alimentare.

agevolazioni spesa 2024
Quali sono le agevolazioni per la spesa nel 2024 (Living.it)

Mettendo insieme queste tre misure si arriva a risparmiare quasi 1.000 euro all’anno. Ovviamente per poterne usufruire è indispensabile essere in possesso di tutti i requisiti richiesti. Cerchiamo, quindi, di fare un po’ di chiarezza.

Chi sono i beneficiari? Quali sono gli importi spettanti? Come ottenere gli incentivi? Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

Tornano le agevolazioni spesa 2024: requisiti, domande e importi

Sono sostanzialmente tre le agevolazioni attive per alcuni cittadini per fare la spesa nel 2024. La Carta Acquisti è già presente su tutto il territorio nazionale e viene caricata con 80 euro ogni due mesi. La carta Dedicata a te del valore di 460 euro non è ancora attiva. Siamo infatti in attesa del decreto attuativo. Il Reddito Alimentare, invece, è al momento previsto solo per le città di Genova, Firenze, Napoli e Palermo.

tutte le agevolazioni spesa 2024
Agevolazioni spesa 2024: la guida pratica (Living.it)

Ad ogni modo, usufruendo di tutti e tre gli aiuti contemporaneamente si potrebbe arrivare a risparmiare fino a 940 euro l’anno per la spesa alimentare. Vediamo ora più da vicino come funziona ciascuna delle agevolazioni sopra indicate.

  • Carta Acquisti: è una prepagata che viene ricaricata con 80 euro ogni due mesi, finalizzata a sostenere le spese alimentari, sanitarie e le bollette di luce e gas, più ulteriori sconti in negozi convenzionati. Possono ottenerla gli anziani di età uguale o superiore a 65 anni e i genitori di bambini di età inferiore a tre anni. L’Isee non deve superare gli 8.052,75 euro o i 10.737 euro per gli over 70. Tra gli altri limiti relativi agli over 65 non bisogna risultare intestatari di più utenze elettriche e del gas; non si può essere proprietari di più di un autoveicolo e di quote oltre il 25% di un immobile a uso abitativo (del 10% se a uso diverso); non si deve essere titolari di un patrimonio mobiliare superiore a 15 mila euro. Si può richiedere presso gli uffici postali compilando l’apposito modulo.
  • Carta Dedicata a te: non è ancora operativa perché manca il decreto attuativo. L’importo una tantum è di circa 460 euro. Per ottenerla non serva fare richiesta. Chi ne ha diritto viene contattato direttamente dall’Inps o dal Comune di residenza. Non spetta a chi riceve già un altro tipo di sussidio statale. Si può usare per acquistare prodotti di base come pane, pasta, carne e uova, per il carburante e per gli abbonamenti ai mezzi pubblici.
  • Reddito Alimentare: la sperimentazione è partita a Genova, Firenze, Napoli e Palermo. È rivolto alle famiglie in condizioni economiche difficili e permette di ricevere pacchi alimentari contenenti i prodotti rimasti invenduti dalla grande distribuzione.

 

Impostazioni privacy